La Danza millenaria delle Madri - Comune di Angera

archivio notizie - Comune di Angera

La Danza millenaria delle Madri

 
La Danza millenaria delle Madri

Al Museo di Angera, Via Marconi 2, continua il ciclo dedicato  a “GLI DEI DEGLI ALTRI”, che indaga le tradizioni religiose 'straniere' nella Lombardia antica.

Il 17 Aprile alle 17.30, verrà narrato un capitolo importante del nostro passato e delle nostre radici culturali.

La curatrice, Cristina Miedico, parlerà infatti di una danza, che si danza ad Angera da almeno 2000 anni.

Una danza che nel Mediterraneo ha radici molto più antiche e che ha a che fare con culti misterici", con la rinascita, con cammini simbolici verso l'aldilà, e ritorno. 

Ad Angera tale danza era condotta dalle Matrone sotto una quercia, tra foglie e ghiande, tenendosi per mano in un modo particolare, e certo non mancava il vino. 

Quella danza aveva forse a che fare con la celebre grotta di Angera, dove gli scavi iniziarono proprio 100 anni fa (un evento in Autunno ricorderà l'avvio delle ricerche). Per alcune leggende locali infatti si tratterebbe dell'Antro delle Fatae, che altro non erano che le dee del Fato, in latino Fatum, al plurale Fata.

Le dee che proteggono il destino dei neonati erano e sono tanto care ad ogni mamma, e ad esse si legano le Tre Madri, Matronae, il cui culto è attestato ad Angera, come in tutto il Verbano, e nel mondo celtico Cisalpino e Transalpino, anche se con forme, nomi e dettagli talvolta diversi. 

L'ingresso alle conferenze è libero fino ad esaurimento posti.

 

Per i bambini dai 5 ai 12 anni che vogliono imparare la danza delle Matrone di Angera  l'appuntamento è sempre in Museo, Via Marconi 2, ma alle 15.00 e su prenotazione, museoarcheologicodiangera@gmail.com, 320 4653416.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (834 valutazioni)